Sonetto XXXI
Michelangelo BUONARROTI (1475-1564)

A che più debb'io mai l'intensa voglia

Sfogar con pianti o con parole meste,

Se di tal sorte 'l ciel, che l'alma veste,

Tard' o per tempo, alcun mai non ne spoglia?

A che 'l cor lass' a più morir m'invoglia,

S'altri pur dee morir? Dunque per queste

Luci l'ore del fin fian men moleste;

Ch'ogn' altro ben val men ch'ogni mia doglia.

Però se 'l colpo, ch'io ne rub' e 'nvolo,

Schifar non poss'; almen, s'è destinato,

Ch entrerà 'nfra la dolcezza e 'l duolo?

Se vint' e pres' i' debb'esser beato,

Maraviglia non è se nud' e solo,

Resto prigion d'un Cavalier armato.



Merci d'avoir consulté Sonetto XXXI de Michelangelo BUONARROTI (1475-1564)